“Gli alberi hanno foglie”

Gli alberi hanno foglie, e i bimbi tutto il giorno / Ridono in quel continuo andare senza sforzo / A mete nascoste lungo i sentieri d’erba. // Trattengo ancora l’Eden nei muri del giardino. // Non era innocenza perduta, non era innocenza // ma una sottile incallita incostanza capace di fissarsi // su ogni novità cui la mente o i sensi // si volgessero, solo importando il soddisfacimento, e chiusa / la scatola degli attrezzi per quella del prestigiatore. // Sono io stesso adesso il giardiniere, e so, / sebbene libero di lasciare il sentiero e spiccare / maturi dal ramo i frutti gialli e rossi, / che sono responsabile di questo ordine / (il tempo che ci vuole a insegnare ai frutti a crescere, / le cure a mantenere queste aiuole). // Quel po’ d’innaffiare che faccio è un piacere // Lascio che gli uccelli pranzino con mele e pere, / non uso cesoie né rastrello / non lego i rami più pesanti, / tralascio d’estirpare e il tempo libero l’impiego / a oziare sui tappeti erbosi o in riva al lago…

Thom Gunn

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.