“I parchi”

Incontenibili emergono i parchi / Dal lento, morbido sfacelo; / carichi di cieli, di forze / che si tramandano e resistono, / per espandersi sulla chiara erba / delle aiuole e ritrarsi / sempre con il medesimo / sovrano fasto che sembra proteggerli // (…) Blandamente rapito / a destra e a sinistra dai viali, / seguendo un qualche cenno / che invita a continuare, / entri improvvisamente / nella concordia ombrosa / di una vasca d’acqua / con quattro panche in pietra; / in un tempo isolato / che scorre per sé solo…

Rainer Maria Rilke, I parchi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.