“Giardini crudeli”

Quanto più era lussureggiante, tanto più il giardino di Matteo divenne, assai presto, campo di battaglia dove si intrecciavano strategie fatte di rapidi assalti, di vittorie clamorose e di sconfitte patetiche. Ogni pianta occupava e difendeva un suo spazio con gelosa intransigenza, non ammettendo intrusioni di altre, anche se della medesima specie e varietà.

Angiolo Bandinelli, Giardini crudeli

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.