Diverdeinverde 2021, la settima edizione

A qualche giorno dalla conclusione della settima edizione di Diverdeinverde, possiamo tirare le fila e dire che siamo contenti di essere riusciti ad aprire quei portoni e quei cancelli che troppo a lungo erano stati chiusi. I visitatori non si sono persi d’animo di fronte alla difficoltà di dover prenotare la visita a ciascun giardino e i proprietari li hanno accolti con visibile gioia. L’atmosfera un po’ magica che ha sempre caratterizzato Diverdeinverde si è subito ricreata e le cose sono andate bene: tanti sguardi ammirati, tanti sorrisi, tanti complimenti, tanta reciproca simpatia. Una grande soddisfazione, per noi.

Le prenotazioni e il prudente rispetto delle capienze hanno significato un numero di tessere vendute sensibilmente più basso del solito; quasi come il primo anno, e certo non sufficienti a coprire le spese. Lo sapevamo e, nonostante questo, avevamo deciso che ne valeva la pena. Un atto di fiducia in un prossimo futuro che ci permetta nuovamente di godere di qualcosa di semplice e di sublime, in fondo, come entrare in un giardino, annusare le rose e altri fiori, ascoltare i suoni della natura, lasciarsi abbagliare dai colori, scoprire qualcosa di inaspettato, essere di nuovo sorpresi in senso positivo, finalmente.

Abbiamo avuto l’impressione che il nostro azzardo sia stato apprezzato e possiamo anche dire che il numero dei visitatori non sia stato così basso, con le limitazioni messe in atto. Torneremo il prossimo anno a svelare, come sempre, i giardini nascosti del centro, a offrire altre novità, ad aprire parchi importanti nella Città Metropolitana, ad accogliere turisti vicini e lontani, a proporre i consueti eventi in tema.

Grazie, intanto, a tutti quelli che sono venuti e ci hanno manifestato il loro gradimento.

con il Patrocinio di

con il contributo di

con la collaborazione di

Media partner

un ringraziamento particolare a

Crediti

Diverdeinverde è un progetto a cura di Fondazione Villa Ghigi, ideato e realizzato in collaborazione con Silvia Cuttin.

Coordinamento generale: Mino Petazzini, Silvia Cuttin.

Hanno collaborato: Angela Antropoli, Ivan Bisetti, Silvana Candido, Paolina Ceccarelli, Teresa Guerra, Emanuela Rondoni, Silvia Salvatorelli, Francesca Spiniello, Fiorella De Leo (Garden Club Bologna).

Immagine coordinata: Gloria Pernat. Sito web: Camilla De Leo

Ringraziamenti

Il ringraziamento più importante è per i proprietari che, con grande generosità e a titolo gratuito, hanno aderito alla manifestazione aprendo i propri giardini.

Un ringraziamento speciale agli enti, alle aziende, alle associazioni e ai tanti amici che ci hanno dato in vari modi una mano per preparare e realizzare la manifestazione.

Comune di Bologna, Comune di Castenaso, San Lazzaro di Savena, Comune di Zola Predosa, Città Metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna. Bologna Estate, Bologna Welcome, BAC – Bologna Ambiente Comune, Università di Bologna, Camera di Commercio di Bologna, Confcommercio ASCOM, Associazione Italiana Direttori e Tecnici Pubblici Giardini FAI – Fondo Ambiente Italiano – Delegazione di Bologna, AIAPP Triveneneto ed Emilia-Romagna.

Coop Alleanza 3.0, Emil Banca, Assicoop Bologna Metropolitana

Gardenia, Garden Club Bologna

Associazione del Guasto, Associazione Re-Use with Love, Associazione via Petroni e Dintorni, Bologna Servizi Cimiteriali, Bonifica Renana, Casa Carducci, Consorzio dei canali di Reno e Savena, Corso di Laurea Scienze e Tecnologie per il Verde e il Paesaggio, Flò Fiori, Fondazione Zucchelli, Libera Bologna, Museo civico del Risorgimento di Bologna Museo Internazionale e Biblioteca della Musica, Pio Istituto Sordomute Povere, Orto Botanico ed Erbario – Sistema Museale di Ateneo, 8cento APS, Seminario Arcivescovile di Bologna, Spazio Labo’, ZOO