Torna Diverdeinverde, sarà la decima edizione

Il 25 e 26 maggio torna la manifestazione Diverdeinverde, che quest’anno giunge alla sua decima edizione e offre alla visita del pubblico circa una trentina di giardini privati aperti.

Un’occasione imperdibile per scoprire il verde segreto e nascosto del centro storico di Bologna, legato agli splendidi palazzi delle famiglie senatorie e patrizie ma anche all’edilizia popolare, con qualche puntata nella pedecollina in luoghi di eccezionale valore panoramico e nella periferia. Molti degli spazi sono già stati aperti in passato, ma a questi se ne aggiungono di nuovi che si offrono in tutta la loro suggestione tra cui quello di recente riallestimento presso il settecentesco palazzo di via Centotrecento sede del Collegio Artistico Venturoli.  E, ancora, alcuni spazi verdi di abitazioni private sicuramente meritevoli di una visita che, per l’occasione, sarà arricchita dai racconti dei proprietari legato al loro personale e affascinante rapporto con il mondo del verde e dei giardini. Alcuni degli spazi coinvolti nella decima edizione, che nel complesso saranno poco meno di 40, fanno invece parte del sistema del verde pubblico cittadino: un paio sono collegati a vivaci Case di Quartiere (il Giardino Savioli e gli Orti di via Saragozza), altri sono da tempo animati da associazioni che se ne prendono cura come il centralissimo Giardino del Guasto.

La manifestazione di quest’anno, come già accaduto nelle ultime edizioni, riserva un’attenzione particolare agli studenti, adolescenti e universitari, nei confronti dei quali sono previste agevolazioni sul prezzo di acquisto del biglietto. Proprio il pubblico giovane, infatti, ha dimostrato negli ultimi anni un interesse sempre più crescente per la manifestazione, a testimonianza della sensibilità delle nuove generazioni nei confronti dei giardini, del verde e dell’ambiente. E i giovani rappresentano anche un sostegno importante per l’organizzazione di Diverdeinverde che prevede il coinvolgimento di una quarantina di ragazze e ragazzi, a fronte di un adeguato riconoscimento economico, per controllare il corretto svolgimento delle visite ai giardini; in questo modo essi supportano l’attività del corpo delle Guardie ecologiche volontarie che fin dalle prime edizioni ha affiancato l’organizzazione garantendo questo prezioso servizio.

Come di consueto, inoltre, saranno molti gli eventi collegati alla manifestazione. Nei giorni che la precedono sono previste alcune anteprime come la passeggiata guidata al Parco di Villa Spada in compagnia di alcuni dei protagonisti del recente restauro dell’area verde, che conserva il più importante giardino in stile rinascimentale pubblico di Bologna, e la visita al cimitero monumentale della Certosa, alla scoperta dei suoi alberi di pregio e dei monumenti funebri caratterizzati da decori fitomorfi di grande valore artistico e simbolico. Sempre in anteprima si segnala un incontro sulla pittura e decorazione floreale nel periodo Liberty, nell’ambito degli eventi collegati alla mostra diffusa La pittura a Bologna nel lungo Ottocento 1796-1915. Infine, risulta davvero ricco e vario l’elenco degli eventi previsti nei due giorni della manifestazione che comprende passeggiate guidate, conversazioni e attività dedicate al mondo dei fiori e dei giardini, letture e improvvisazioni
musicali.

La tessera di ingresso ai giardini è nominale (12 euro) e dà diritto all’accesso ai giardini privati inseriti nel programma durante i due giorni della manifestazione oltre che a partecipare agli eventi previsti. Per gli studenti dai 14 ai 18 anni e per quelli universitari si applica un prezzo  (9 euro).

La tessera è in vendita in diversi luoghi.

A Bologna presso: eXtraBo, Piazza Nettuno 1/ab – 051 6583109; Natura Sì, via de’ Toschi 5/e, via Po 3, via Montefiorino 4/d, viale della Repubblica 23/2; Flò Fiori, via Saragozza 23/b; ZOO, Strada Maggiore 50/a. A Casalecchio di Reno presso: Natura Sì, via Porrettana 388. A San Lazzaro di Savena presso: Natura Sì, via Emilia 234.

La tessera è in vendita anche online: all’acquisto verrà trasmesso un voucher da presentare presso eXtraBo per ottenere la tessera cartacea.

Nei giorni della manifestazione la tessera è inoltre in vendita presso il Giardino Zu.Art, vicolo Malgrado 3/2, nel giardino di Palazzo Rosselli del Turco, via Santo Stefano 63 e presso il Giardino di via Pietralata 16.

Nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 maggio la maggior parte dei giardini saranno aperti dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 19; in pochi, invece, l’apertura è continuata come nel caso di Zu.Art (Giardino delle arti della Fondazione Zucchelli) che ospita la base logistica della manifestazione con vendita biglietti, angolo libreria specializzata, punto ristoro e possibilità di fermarsi a riposare. Alcuni giardini, al contrario, saranno aperti in modo parziale e non in entrambe le giornate della manifestazione.

Diverdeinverde è organizzato dalla Fondazione Innovazione Urbana Rusconi Ghigi ed è possibile grazie alla grande disponibilità dei proprietari, che acconsentono ad aprire i loro giardini e al prezioso supporto degli sponsor e di vari soggetti che concedono il loro patrocinio.

Diverdeinverde 2022 – la copertina!

Ed ecco l’immagine di copertina che ci accompagnerà per tutta l’8a edizione scelta, come sempre negli ultimi anni, tra le foto che i visitatori ci inviano.

Quest’anno, per il bello scatto, ringraziamo Isabella Franchini!

2020: un’edizione da guardare

Ci dispiaceva molto non esserci in questi giorni. Nel periodo dell’isolamento abbiamo pubblicato sui nostri social #ungiardinoalgiorno con informazioni e fotografie dei giardini più belli; è stato molto seguito e lo potete cercare con l’hashtag. Rimettendo a posto fotografie e materiali, ci siamo resi conto di quanti spazi verdi abbiamo aperto alla visita nei primi sei anni della manifestazione. Da qui l’idea di proporre un’edizione 2020 da guardare. Sono stati ben 97 i giardini che si sono alternati negli anni, cercando in ogni edizione di inserire un buon numero di novità: si trovano tutti su una pagina speciale del nostro sito che sarà visibile per dieci giorni a partire da venerdì 22 maggio, giorno in cui Diverdeinverde sarebbe iniziato, fino al 31 maggio.

Dove fioriscono i glicini, in quarantena

Anche quest’anno, continua la mappatura dei glicini. Solo le piante che vedete nel vostro percorso permesso!

Qui la mappa, grazie per le vostre segnalazioni.

Galleria di foto delle cinque edizioni

Qui trovate una selezione delle foto che ci sono arrivate negli anni dai visitatori. Un modo per rendersi conto delle ricchezze che i giardini segreti di Bologna offrono! E dei bei momenti passati insieme.

(Ph. Margherita Cecchini)